Dott. Giorgio Conte - Psicologo Ostia - Roma (+39) 340.87.51.845
Dott.ssa Lara Fiordemondo - Psicologa Ostia - Roma (+39) 334.87.54.009
info@psicologiapathos.it

IL RUOLO DELLO PSICOLOGO NEGLI INTERVENTI DI CHIRURGIA BARIATRICA

Chirurgia Bariatrica

Quali sono i passaggi obbligatori per arrivare all’intervento di Chirurgia Bariatrica? Come si ottiene la valutazione psicologica per l’idoneità all’intervento di Chirurgia Bariatrica?

Innanzi tutto cerchiamo di spiegare brevemente cos’è la Chirurgia Bariatrica. La Chirurgia Bariatrica (dal greco baros, peso) o Chirurgia dell’obesità è una branca della chirurgia specializzata nel trattamento di pazienti affetti da gravi forme di sovrappeso e obesità. In tali casi l’intervento chirurgico è l’unica forma di trattamento che possa garantire una significativa, ma soprattutto duratura perdita di peso con la relativa riduzione del rischio di mortalità.

I diversi tipi di Chirurgia Bariatrica

Senza scendere in particolari tecnicismi, elenchiamo le tre diverse tipologia di interventi di Chirurgia Bariatrica.

INTERVENTI GASTRORESTRITTIVI

Tali interventi riducono la capacità gastrica, con un’azione prevalentemente meccanica. Gli interventi gastrorestrittivi permettono di ridurre la quantità di cibo assumibile in un solo pasto, in modo da rendere più precoce e duraturo il senso di sazietà. In questo modo la persona obesa mangia meno e perde peso. Appartengono a questa tipologia: il bendaggio gastrico regolabile (uno degli interventi più frequentemente realizzati in Italia), la gastroplastica verticale e la più recente sleeve gastrectomy (gastrectomia verticale parziale).

INTERVENTI MALASSORBITIVI

Tali interventi riducono drasticamente l’assorbimento del cibo e dell’energia. Le procedure chirurgiche malassorbitive comportano una riduzione irreversibile delle dimensioni dello stomaco e un marcato cambiamento del processo digestivo. Appartengono a questa tipologia le tre varianti di diversione biliopancreatica: classica di Scopinaro, variante con resezione gastrica verticale (switch duodenale) e variante con conservazione dello stomaco.

INTERVENTI MISTI

Tali interventi abbinano la componente gastrorestrittiva a quella di ridotto assorbimento del cibo. Comprendono il bypass gastrico e le varianti. Il bypass determina un calo di peso corporeo riducendo di molto la quantità di cibo introdotta e inducendo un precoce senso di sazietà. L’intervento non implica l’asportazione di nessuna parte sia dello stomaco che dell’intestino.

Requisiti per sottoporsi a un’intervento di Chirurgia Bariatrica

La Chirurgia Bariatrica non è indicata per tutti i pazienti obesi e soprattutto non può essere richiesta per motivi puramente estetici (immagine negativa del proprio corpo). Il suo principale scopo è quello di prevenire e/o correggere i problemi medici associati all’obesità. Elenchiamo i requisiti principali per sottoporsi a un intervento di Chirurgia Bariatrica:

  • Avere compiuto la maggiore età
  • Mancata o insoddisfacente risposta alla terapia conservativa (dieta personalizzata, attività fisica, farmaci)
    Un indice di massa corporea (IMC) maggiore o uguale a 40 kg/m²
  • Un IMC compreso tra 35 e 39,9 kg/m² se associato a una o più malattie o complicanze correlate all’obesità – per esempio: diabete mellito di tipo 2, malattie cardiache, ipertensione arteriosa, aumentati livelli di lipidi nel sangue (ipercolesterolemia e iperlipidemie), problemi alle giunture, apnee da sonno ecc.
  • In caso di diabete, valori di emoglobina glicata (HbA1c) superiori all’8%
  • Profonda consapevolezza, forte motivazione e disponibilità all’impegno da parte del paziente, che dovrà affrontare un percorso post-operatorio prolungato per tutta la vita. Affinché i risultati della chirurgia siano realmente soddisfacenti è indispensabile la piena volontà e determinazione da parte del paziente ad attenersi a rigorose linee guida alimentari, di attività fisica e di trattamento farmacologico
  • Assenza di ostacoli medici all’approccio chirurgico
  • Assenza di ostacoli psicologici all’approccio chirurgico

Valutazione psicologica idoneità Chirurgia Bariatrica

L’intervento di Chirurgia Bariatrica prevede, assieme ad altri accertamenti pre-operatori, una valutazione delle condizioni psicologiche ed emotive da parte di uno psicologo/psichiatra, come prescritto dalle linee guida nazionali (SICOB). Attraverso il colloquio psicologico e la somministrazione di test, lo psicologo/psichiatra elaborerà una relazione psicologica di idoneità o inidoneità all’intervento di Chirurgia Bariatrica. Questa certificazione è obbligatoria per poter iniziare il percorso che porterà all’intervento chirurgico vero e proprio.

La valutazione dello stato mentale del paziente ha come obiettivi:

  • Il riconoscimento di disturbi psichiatrici maggiori che potrebbero rappresentare delle controindicazioni all’intervento di Chirurgia Bariatrica.
  • Il riconoscimento di tratti di personalità, comportamenti e disturbi psicopatologici minori associati all’Obesità come la gestione delle emozioni e la capacità di affermarsi all’interno dei vari contesti sociali. Tali enunciati infatti, dovrebbero essere oggetto di attenta valutazione da parte del clinico soprattutto al fine della gestione del paziente stesso nel post-operatorio.

Gli strumenti con cui si realizza la valutazione psicologica per l’idoneità all’intervento di Chirurgia Bariatrica sono rappresentati dal colloquio clinico e dall’indagine testistica o psicometrica. Il colloquio clinico serve ad indagare lo stato mentale del soggetto e le aree necessarie alla valutazione della compliance all’intervento, mentre l’indagine psicometrica, utilizzando strumenti mirati e corrispondenti alle aree da indagare, può fornire dati oggettivi sulla personalità, sulla presenza di condizioni sintomatiche o di tratto rispetto alle variazioni del tono dell’umore e dell’ansia, sul rapporto con il cibo, sull’immagine corporea, sulla presenza, intensità e qualità della componente impulsiva e sulla qualità di vita del paziente candidato alla Chirurgia Bariatrica.

Le aree che è opportuno prendere in considerazione durante la valutazione psicologica, sono le seguenti:

  • Storia di vita del paziente comprensiva di una approfondita indagine sulle abitudini alimentari
  • Disturbi psichiatrici maggiori
  • Capacità di fornire un consenso informato all’intervento
  • Tipi di motivazione
  • Aspettative irrealistiche nei confronti dell’intervento

Lo Studio Psicologia Pathos può avviare il protocollo standardizzato per la valutazione psicologica e il rilascio del certificato di idoneità per l’intervento di Chirurgia Bariatrica.